Visualizza la lista di tutti gli ebooks.
calomelano.it beautiful black blog: blog collettivo
AA. VV.
calomelano.it beautiful black blog: blog collettivo - appunti in libertà su arti, fatti e opinioni senza troppo rumore (aggiornato al 25 febbraio 2013)
906 pagine
V edizione febbraio 2013
Scarica PDF (85 MB) Scarica EPUB (8,6 MB) Scarica MOBI (12,3 MB)

Sinossi

Subiamo un flusso continuo di informazioni dove domina il rumore. Le nostre conversazioni (de visu, telefonate, SMS, email) si perdono in questo rumore di fondo che non riusciamo più a catalogare, a umanizzare. Calomelano è un quaderno di appunti condiviso per registrare dei frammenti di conversazione, tessere di un mosaico che forse tra un pò di tempo diventerà un immagine riconoscibile di questo tempo e di queste persone.

Incipit

Diceva Pier Paolo Pasolini intervistato da Enzo Biagi nel 1971 (!): “la televisione è un medium di massa, e il medium di massa non può che mercificarci e alienarci … è proprio il medium di massa in sé, nel momento in cui qualcuno ci ascolta nel video ha verso di noi un rapporto da inferiore a superiore che è un rapporto spaventosamente antidemocratico” – per la precisione al minuto 4:46 del video. Una riflessione attualissima, che vale anche per gli altri mass media: i quotidiani, la radio che legge i quotidiani, i siti web dei quotidiani. Ma a differenza di allora oggi la tecnologia ci viene in aiuto e ci dà degli strumenti per ribaltare questo rapporto da inferiore a superiore, trasformarci da consumatori passivi a produttori / consumatori d’informazione. I rischi certamente ci sono, i principali sono due: 1.il rischio di essere inondati da spazzatura che benché autoprodotta resta spazzatura 2.il rischio di finire in mano a dei cannibali (chi c’è dietro a facebook ? youtube ? google news ? skynet ?) Noi crediamo che selezionando i contributori e mantenendo il controllo sui mezzi di comunicazione (di produzione ?) cioè l’infrastruttura tecnica sottostante, si possano contenere i rischi, e beneficiare di uno, cento, mille mezzi di comunicazione più democratici.