Visualizza la lista di tutti gli ebooks.
Alpinisti ciabattoni
Achille Giovanni Cagna
Alpinisti ciabattoni -
194 pagine
I edizione dicembre 2009
Scarica PDF (0.5 MB) Scarica EPUB (0,2 MB) Scarica MOBI (0,2 MB)

Sinossi

“Alpinisti ciabattoni” è forse l’opera più riuscita di Achille Giovanni Cagna. Riassunto in poche parole da Eugenio Montale, ammiratore dello scrittore vercellese, “è la descrizione degli inconvenienti e dei malanni della villeggiatura”; per altri critici, è più un bozzetto che un romanzo vero e proprio.

Incipit

Caltignaga, Caltignaga! Chi discende? Sor Gaudenzio sporse il capo dallo sportello, ma il treno si era già rimesso in moto, e vide solo il campanile del villaggio che scappava come un disperato in mezzo ad un campo di meliga. Rincantucciò, e si diede ad osservare i suoi compagni di viaggio. Di fronte aveva un giovanone grasso, panciuto, che sgnuccava in una sonnolenza affannosa, tormentato dalle mosche che gli passeggiavano sul volto sudato. Per salvare il solino dalle irrigazioni della faccia si era legato il fazzoletto a mo' di tovagliolo sotto le salsicce cascanti della pappagorgia. Russava, sbuffava, socchiudeva talvolta gli occhietti imbenzoiti, e poi tornava a ronfiare. Dalla padronanza che aveva, dal disdegno che mostrava per gli altri, dall'eleganza variopinta e sguajata del vestiario, si indovinava il commesso viaggiatore di una casa in auge. Nell'angolo opposto un signore alla buona dormiva con gli occhi aperti sopra un giornale; di contro addossato all'altro sportello, un vecchietto male in sesto, di aspetto sofferente, incravattato come un gozzuto fino alle orecchie, impaludato entro un ampio fraccone nero lucido, mezzo nascosta la faccia magra sotto un cappellone che gli spegneva gli occhi.