Nuovi consigli di lettura

E’ stato appena dato alle stampe dalla casa editrice Elèuthera il nuovo lavoro di Marc Augé, “Che fine ha fatto il futuro ?”: come i precedenti lavori, ha una foliazione ridotta, ma contenuti con alto livello di astrazione. Il sottotitolo italiano (“dai nonluoghi al nontempo”) è ammiccante, ma poco pertinente; più divertente il calembour del […]

Leggi tutto…

Dizionario filosofico: élite

Consideriamo dapprima un paese che definiremo eufemisticamente “in via di sviluppo”, nel quale sia molto chiara la distinzione di censo e di classe: Egitto, Mali, India, Honduras, o un’altra nazione a scelta. Le élite vi si distinguono anzitutto per il potere, economico, politico, mediatico che esercitano; per una maggiore disponibilità di denaro e per uno […]

Leggi tutto…

PERCHE’ I CENTRI COMMERCIALI SONO NON-LUOGHI ? Parte seconda

Perché dunque la cultura europea definisce il centro commerciale non-luogo, mentre invece il bazar mediorientale è tipicamente un luogo ? Certo: si tratta del simbolo per eccellenza del consumismo di massa, della globalizzazione,  della serialità, del brand; dell’americanizzazione della vecchia Europa. Certo: ai vari centri commerciali manca ancora una dimensione storica; ma il concetto è […]

Leggi tutto…

PERCHE’ I CENTRI COMMERCIALI SONO NON-LUOGHI ? Parte prima

Il centro commerciale ha un albero genealogico illustre: se nella civiltà romana, dominata da aristocrazie terriere, l’essenza della città era nella piazza, nell’arena e nelle terme (e così nella città greca), i segni di riconoscimento della città erano per gli arabi il suq (quartiere che ospitava il bazar), l’hammam e la moschea. “Quel che gli […]

Leggi tutto…

Luoghi: il ponte

Ponte è un termine multisemico, che rimanda via via a luoghi della storia, non luoghi odierni, moti dell’anima e archi temporali sospesi. In tempi passati i ponti erano spazio di incontro e di scambio, di genti e merci, e laddove frontiera, anche luogo di scontro: i ponti (sulla Drina, sul fiume Kwai, a Mostar) sono […]

Leggi tutto…

Sindrome di Hikikomori

La sindrome di Hikikomori è una malattia psico-sociale del Giappone. Adolescenti vittime di qualche trauma non meglio identificato, si chiudono in camera loro e rifiutano ogni contatto umano. Spesso i genitori si vergognano della situazione – i ragazzi vengono esclusi dalla scuola, perdendo così ogni possibilità “canonica” di inserirsi nel tessuto sociale giapponese – e […]

Leggi tutto…

Borattitudine o della consapevolezza

Questa riflessione è iniziata guardando il video di Borat al banco formaggi postato da paolog all’inizio di questa avventura. Borat non fa altro che renderci consapevoli di qualcosa che abbiamo davanti agli occhi ma che non riusciamo più a vedere, tanto ne siamo assuefatti. In un certo senso è come se fossimo “fatti” e non […]

Leggi tutto…

Luoghi collettivi

Un modo diverso di condurre la discussione sui luoghi da guida turistica è quello proposto da Marco Romano (La città come opera d’arte, Einaudi 2008). Dopo aver rimarcato l’estrema varietà europea degli edifici collettivi, rispetto ad altre civiltà, ne attribuisce l’origine ai caratteri fondativi della civitas europea, che è aperta, mobile e democratica. Più avanti: […]

Leggi tutto…

Ri-scatto della memoria…di un nonluogo ri-animato

Alla parata dei nonluoghi porto questa istantanea di cui vado fiera, l’attimo catturato lo scorso anno in un nonluogo di attesa (di un traghetto in Croazia). Istantanea in cui si stratificano tanti istanti e memorie, quella generazionale ed epocale, che fa struggere noi cinquantenni al riecheggiare di quel clic clac dalle spiagge degli anni settanta […]

Leggi tutto…

OVE l'altrOVE? Di altri luoghi o nonluoghi

Quando sono in viaggio, visito posti, spesso mi capita, più o meno intenzionalmente, di ricondurre il nuovo che vedo al noto, fin troppo noto: per esempio un sabato, a Palma di Maiorca, per un’invincibile coazione, sono andata a messa come fosse un consueto prefestivo vercellese … Sant’Eulalia come Sant’Agnese o San Paolo, Santa Maria Maggiore. […]

Leggi tutto…

Fisica delle masse

Egregi Accademici, ho l’onore di illustrarvi i principi fondamentali della “fisica delle masse”, frutto di anni di lavoro sul campo, come pendolare, turista e automobilista. Nelle mie indagini mi interessava meno il comportamento delle masse dal punto di vista politico o marketing, già ampiamente studiato, rispetto ai comportamenti direi involontari, non diretti a specifici scopi. […]

Leggi tutto…

Dizionario filosofico: Trasgressione

“Trasgredire” significa, etimologicamente, andare oltre. Partendo da una connotazione negativa (infrangere leggi, norme di comportamento) ha assunto man mano, nella nostra società di consumatori, un’aura positiva, mantenendo comunque entrambe le sfumature. Per gli italiani indigeni, vale quasi sempre l’accezione positiva, mentre per gli immigrati naturalmente, è ancora in uso la colorazione negativa. Astraendo, con un […]

Leggi tutto…

Nonluoghi: elogio della rotatoria

La rotatoria è cosmopolita: si sviluppa nel mondo anglosassone, tracima poi in Francia, Spagna e finalmente viene importata in Italia. La rotatoria è democratica: tutte le strade, piccole e grandi, godono degli stessi diritti. La rotatoria è sindacalmente corretta: viaggiare meno veloci, viaggiare tutti. La rotatoria è caritatevole: se hai sbagliato strada, puoi tornare indietro, […]

Leggi tutto…

I giornali non scompariranno (forse)

Ho trovato l’articolo di Shirky interessante e ricco di spunti, ma per molti versi non convincente. Provo ad esplicitare le mie perplessità. a) E’ almeno la terza volta che sento intonare il requiem per i giornali quotidiani: una prima volta quando il satellite ha moltiplicato i canali televisivi, consentendo la nascita di TV dedicate all’informazione; […]

Leggi tutto…

.ORG

Cos’hanno in comune Hamas, Comunione e Liberazione, l’ETA, e un gruppo di ultras del Napoli ? Che li differenzi dal Circolo del Bridge, il PD, la banda di Viggiù o gli Amici della Panissa ?  A mio parere due cose fondamentali. Danno ai propri membri uno scopo di vita: formano una comunità con obiettivi comuni, […]

Leggi tutto…

Dialogo tra un venditore di giornali e un passeggero

V: Giornali, giornali nuovi. Notizie. Bisogna di un giornale ? P: Che c’è di nuovo oggi, di grazia ? V: Guardi: la Comunità Europea ha consentito la produzione di vino senza alcol. P: Ancora i maledetti burocrati di Bruxelles ! V: Via signore, non si adiri. Consideri che l’Europa è l’unico baluardo rimasto tra la […]

Leggi tutto…

poSTille a PERLE AI PORCI?

La domanda- provocazione del programma radiofonico “Tabloid” di qualche tempo fa era: – Che cosa mettereste in un museo? Ero in viaggio e mi sono divertita ad ascoltare le risposte degli ascoltatori, pure divertite e divertenti, e  ho dovuto resistere alla tentazione di provocare a mia volta: – Nei musei ci metterei… i musei. Mi […]

Leggi tutto…

Perle ai porci ?

Ci risiamo. Pietro Citati ha pubblicato l’ennesimo articolo contro l’affollamento dei musei e delle mostre, frequentate da orde di barbari (soprattutto scolaresche e gruppi organizzati),  meno interessati all’arte che all’evento o al luogo. Insomma, da coloro per i quali è importante poter dire: “Io c’ero”. Nulla di quanto scrive è meno che condivisibile, tuttavia l’esercizio […]

Leggi tutto…

luoghi nonluoghi e dintorni

Il mio amico paolog sostiene che noi spesso crediamo di essere indipendenti, isolati e originali nel pensiero, in realtà siamo immersi senza che ce ne rendiamo conto in un flusso collettivo di idee, e gli esiti cui la nostra mente approda, i risultati che produce sono come convogliati, determinati, dal comune esperire e rifletterci. Lo […]

Leggi tutto…